Dott. GIACOMO VOLPE
Chirurgo Plastico ed Estetico a Bari
Mastoplastica riduttiva
Chirurgia estetica

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA

La mastoplastica riduttiva è l’intervento mediante al quale si modificano forma, volume e posizione delle mammelle di grosse dimensioni. Il cono mammario viene posizionato in posizione più alta con areola e capezzolo alla sua sommità. In Anestesia Generale si esegue una incisione cutanea che nei casi di modesto aumento volumetrico e modesta ptosi della mammella esiteranno in una cicatrice (a key hole) che circonda l’areola e che da questa si estende inferiormente sino al solco mammario. Nei casi di maggiore entità e ptosi alle cicatrici già descritte bisognerà aggiungerne una orizzontale (di lunghezza variabile) che segue l’andamento arcuato del solco mammario (a T invertita). Il complesso areola/capezzolo viene lasciato inserito ad un lembo fibroghiandolare che a partenza superiore, inferiore, laterale, mediale o centrale (a seconda della tecnica scelta) viene posizionato e suturato in posizione corretta. Il tessuto fibroghiandolare in eccesso viene asportato e la rimanente parte ricomposta al fine di avere una mammella più piccola e situata più in alto. La pelle in eccesso è quindi asportata. L’intervento è sempre preceduto da indagini ecografiche o radiologiche al fine di escludere o appurare eventuali patologie mammarie già presenti.

  • TIPO DI INTERVENTO
    Intervento chirurgico
  • CONSENSO INFORMATO DA FIRMARE
  • DURATA DI OGNI SEDUTA
    1 – 1,5 ore
  • NUMERO DI SEDUTE
    1
  • DISTANZA TRA LE SEDUTE
  • FORME DI ANESTESIA
    Generale e/o Locale con sedazione
  • EFFETTI COLLATERALI (ANCHE TEMPORANEI)
    Dolore ed edema per qualche giorno ben controllabili mediante terapia farmacologica. Al termine dell’intervento si possono lasciare in sede dei drenaggi che vengono rimossi 24-48 ore dopo l’intervento. I possibili rischi sono ematoma (accumulo di sangue che solo raramente richiede l’evacuazione chirurgica) , sieroma (accumulo di siero che solo raramente richiede l’evacuazione chirurgica). Necrosi anche parziale del complesso areola/capezzolo: molto molto rare e di solito correlate ad interventi di grossa entità. Esitano in cicatrici di aspetto scadente e spesso richiedono una revisione chirurgica. Insensibilità del complesso Areola/capezzolo: nelle manovre chirurgiche è possibile lesionare anche parzialmente l’innervazione sensitiva del sistema areola capezzolo; una temporanea riduzione della sensibilità è considerata normale ma a volte la riduzione di sensibilità può essere definitiva. Liponecrosi: colliquazione del tessuto adiposo che tende a fuoriuscire come liquido giallastro oleoso; può esitare in avvallamenti della superficie. Infezioni: molto rare e controllabili con terapia farmacologica. Cicatrici patologiche o cheloidee.
  • PRECAUZIONI DA SEGUIRE PRIMA DEI TRATTAMENTI
    Sospensione di farmaci anticoagulanti o antiaggreganti almeno 4 giorni prima dell’intervento; sospensione del fumo.
  • PRECAUZIONI DA SEGUIRE DOPO I TRATTAMENTI
    Evitare attività fisica intensa (anche sessuale) nelle 2-4 settimane dopo l’intervento, evitare l’esposizione alla luce solare, calzare reggiseno conformato per 2-6 settimane dopo l’intervento.
 

Prenota

Compila il modulo per la tua richiesta. Sarai prontamente contattato.
I campi con * sono obbligatori

* Utilizzando questo modulo accetti al salvataggio e all'utilizzo dei tuoi dati su questo sito, in base alla normativa GDPR. Policy Privacy